Trasformare i rifiuti in risorse? Si può.

Il 9 novembre sono stati presentati alla Fiera Ecomondo di Rimini i risultati della ricerca sulla simbiosi industriale di alcuni enti di ricerca (CNR, SUPSI, TTS, ENEA). Durante l’incontro sono state offerte testimonianze dal mondo dell’industria e verranno messi a confronto esperti di standardizzazione e rappresentanti di aziende che lavorano in tale ambito.

ECOMONDO, fiera internazionale leader della Green e Circular Economy nella quale ogni anno si incontrano le aziende leader di mercato, si conoscono i nuovi trend, le innovazioni e le nuove tecnologie, ospiterà un importante incontro di presentazione della ricerca realizzata dal CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), Technology Transfer System e SUPSI (Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana) sul tema della simbiosi industriale con la partecipazione di ENEA e del Ministero dell’Ambiente.

 

La conferenza ha previsto la condivisione di buone pratiche adottate da grandi aziende come SCM fonderie o Vibram ma anche la presentazione di nuovi approcci innovativi come quelli presentati da Mogu, Gren o Sfrido. All’interno della conferenza c’è stata la possibilità non solo di valutare le difficoltà di un approccio circolare ad esempio legate al mondo della seta come presentato da Trudel ma anche aspetti più normativi che sono stati discussi con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente.
Il progetto Symbioptima, ma anche questo evento di confronto rappresenta l’inizio di una serie di possibili approcci innovativi che potrebbero portare alla creazione di sempre più grandi ed efficienti distretti industriali come è stato presentato dai tre partner SUSPI, CNR e TTS.  A tal proposito SUSPI ha presentato durante la conferenza il progetto MANU-SQUARE che rappresenta una continuazione ed un evoluzione del progetto Symbiomptima.

Posted on dicembre 18, 2018 in eventi

Back to Top